Banner concorso

Depuratore, finalmente l’adeguamento. In appalto i lavori per 3 milioni.

Un iter infinito e rimasto impantanato negli ultimi anni. Una storia condita da ritardi, procedure di infrazione, inchieste e sanzioni per il mancato adeguamento del depuratore consortile Sant’Agata Militello – Acquedolci. Oggi finalmente l’iter volge finalmente al termine. L’ufficio del Commissario straordinario unico nazionale per la depurazione, dopo l’approvazione del progetto esecutivo, ha infatti mandato in gara l’appalto da 3.099.667,57 euro per i lavori di completamento, ammodernamento e adeguamento del depuratore consortile di Sant’Agata Militello – Acquedolci.
L’adeguamento dell’impianto di Pianetta, era già inserito nella delibera di finanziamento del Cipe n°60 del 2012, che stanziava i fondi per il superamento delle criticità a seguito delle procedure di infrazione comunitaria in materia ambientale, ma da allora era rimasto bloccato.

“Siamo felici che giunga finalmente a conclusione una vicenda che si protrae da tempi davvero remoti, con le note problematiche connesse di carattere ambientale e non solo – commenta il sindaco Bruno Mancuso –. L’augurio è che nel più breve tempo si proceda analogamente all’adeguamento di tutti gli impianti di depurazione dei centri costieri limitrofi, ove previsto e necessario, anche al fine di scongiurare il ripetersi di spiacevoli episodi di sporcizia in mare che spesso durante le stagioni estive gli avventori della spiaggia santagatese hanno dovuto patire”.

I particolari del progetto esecutivo per il depuratore consortile di Sant’Agata Militello – Acquedolci, redatto dalla Società Dinamica srl di Palermo, saranno illustrati mercoledì 17 aprile alle 11:30 nel corso di una conferenza stampa in aula consiliare a Sant’Agata Militello alla presenza dei progettisti, del Rup, delle amministrazioni comunali e dei rappresentanti delle autorità interessate.