Banner Naima Griffe

Fondi del Pnrr per l’inclusione sociale. Sant’Agata punta su Museo dei Nebrodi e riqualificazione borgo marinaro

Sono due le proposte progettuali che il comune di Sant’Agata Militello ha presentato per l’inserimento nel Piano Integrato della Città Metropolitana di Messina “Rigenerazione e Resilienza”, finanziato con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

L’amministrazione comunale ha deliberato di inserire gli interventi relativi al secondo stralcio funzionale del progetto di riqualificazione del lungomare, lungo l’asse del borgo marinaro e delle aree adiacenti al castello Gallego, per 940 mila euro, e quindi la realizzazione del centro servizi di produzione artistica musicale con il recupero e l’ampliamento dell’edificio del Museo dei Nebrodi, per 990 mila euro.

Secondo quanto già illustrato nell’ultimo incontro tra il sindaco della città metropolitana di Messina Cateno De Luca ed i sindaci del comprensorio al castello Gallego lo scorso 18 dicembre, infatti, era stata estesa la platea degli enti beneficiari dei fondi del Pnrr nel quadro delle misure per l’inclusione sociale, con possibilità di presentazione di progetti fino a 2 milioni di euro da parte dei comuni superiori a 10 mila abitanti (Città di Messina a parte) da inserire nel piano integrato della Città metropolitana.

error: Questo contenuto è protetto !!