CoronaVirus

Il comune apre le transazioni con i creditori. A disposizione 1,8 milioni dal fondo di rotazione.

A partire da oggi 14 luglio e fino al prossimo 31 luglio è aperta la finestra per tutti i creditori che ne abbiano interesse per la presentazione delle istanze ai fini della richiesta di definizione di accordo transattivo con il comune di Sant’Agata Militello, nell’ambito del piano di riequilibrio finanziario pluriennale.
La possibilità offerta è quella di avvalersi delle risorse messe a disposizione dal Ministero dell’Interno mediante l’anticipo del fondo di rotazione concesso all’ente, pari a 1.879.650,00 euro. Il comune darà quindi priorità, fino ad esaurimento della disponibilità, agli accordi transattivi che comporteranno minori oneri per l’ente, mediante ulteriori riduzioni e abbattimento del credito, rispetto a quelli già dichiarati o comunque previsti.

Antonio Scurria

“Finalmente, dopo molti anni di attesa, grazie al fondo di rotazione ministeriale, potranno incominciare ad essere liquidati i debiti verso imprese e professionisti che nel corso del tempo hanno prestato attività per conto dell’Ente nonché quelli derivanti da sentenze esecutive – commenta l’assessore al bilancio Antonio Scurria –. Il Comune sta facendo grandi sforzi finanziari per onorare integralmente i propri debiti, possibilità ottenuta solo grazie al ricorso alla procedura di riequilibrio. Un eventuale dissesto finanziario, da alcuni ancora oggi incomprensibilmente auspicato, avrebbe danneggiato tutti i cittadini e gli stessi creditori, ai quali sarebbe stata riconosciuta solo una piccola percentuale del proprio lavoro o dei propri diritti”.

Le domande, a pena di esclusione, dovranno essere inviate esclusivamente via pec all’indirizzo protocollocomune.santagatadimilitello@pec.it fino alle ore 12 del 31 luglio 2020. Decorso il termine di presentazione delle istanze, sarà avviata apposita istruttoria amministrativa di tutte le domande pervenute e pubblicato l’elenco di quelle ritenute ammissibili secondo i criteri individuati. In caso di risorse residue rispetto alle domane presentate, sarà ripubblicato l’avviso pubblico per l’acquisizione di ulteriori istanze. Non saranno comunque prese in considerazione domande pervenute anteriormente o posteriormente ai termini indicati, così come le precedenti dichiarazioni di disponibilità alla definizione transattiva, in mancanza di espressa conferma ai sensi dell’avviso pubblico disponibile, insieme al modello di domanda per la definizione dell’accordo transattivo, sul sito istituzionale del comune.

error: Questo contenuto è protetto !!