Banner concorso

Riapertura punto nascita, si muove qualcosa. Ecco i bandi per medici neospecializzati.

Dopo il sopralluogo di questa settimana dell’assessore regionale Ruggero Razza, si muove finalmente qualcosa di concreto per giungere alla ripresa delle attività degli eventi parto al punto nascita dell’ospedale di Sant’Agata Militello, sospesa da fine settembre, . L’Asp di Messina, si legge in una nota ufficiale, “nella ferma volontà di riaprire ai parti nel più breve tempo possibile il punto nascita dell’ospedale di Sant’Agata Militello, pubblicherà domenica 1 dicembre i nuovi bandi per reperire Dirigenti Medici Pediatri, Anestesisti e Ginecologi cui potranno partecipare medici eventualmente sottoccupati e i nuovi specializzati che dovrebbero diplomarsi il prossimo 5 dicembre”. La scadenza del termine per presentare la domanda è stata fissata al 7 dicembre p.v., sarà possibile inviare la domanda in modalità telematica tramite PEC e il bando a tempo determinato per velocizzare le procedure concorsuali sarà per soli titoli.

“La riunione operativa di mercoledì pomeriggio presso lo stesso ospedale santagatese, alla quale ha partecipato l’Assessore Regionale Ruggero Razza – scrive il direttore generale Paolo La Paglia – è stata l’occasione per un fruttuoso scambio di idee, e per fare il punto della situazione sui servizi sanitari dell’intero ospedale. Abbiamo completato lo spostamento del PTA nei locali del distretto sanitario – dice il direttore generale Paolo La Paglia – e negli spazi lasciati liberi potranno trovare migliore allocazione nuovi servizi ospedalieri e ambulatori, a tutto vantaggio dell’utenza. Ho voluto anche pubblicare uno specifico bando per dirigenti medici neurologi, per attivare subito a S’Agata la “Stroke Unit” con quattro posti letto, prevista dalla nuova rete regionale ospedaliera disegnata dal Governo Musumeci. Insieme all’Assessore Razza stiamo inoltre verificando la praticabilità di una sinergia con le Case di Cura private accreditate, per utilizzare il loro personale anestesista nell’Ospedale di Sant’Agata, qualora anche questi ulteriori bandi di personale dovessero andare deserti”.