Banner concorso

Polstrada e ITET, progetto per la sicurezza stradale.

Una circolazione stradale ad “impatto zero”. La polizia stradale di tutta Europa sta lavorando ad un progetto ambizioso dal titolo Project Eduard European Day Without a Road Death. Forse utopistico, ma in cui necessariamente bisogna crederci. Ridurre a zero gli incidenti mortali, almeno per un giorno. Il countdown sul sito https://projectedward.eu/it/ è già partito e terminerà il 26 settembre quando un task force della polizia stradale di tutta Europa sarà impegnata a ridurre, attraverso una forte azione deterrente, i rischi della guida su mezzi gommati. Un’operazione che prevede anche una serie di interventi propedeutici di sensibilizzazione, soprattutto verso le giovani generazioni.

Ad intervenire ed illustrare il progetto, grazie alla collaborazione della prof.ssa Antonella Sciotto, sono stati, nell’ aula magna dell’ITET “G. Tomasi di Lampedusa”, il Sostituto Commissario Massimiliano Fiasconaro, responsabile del Distaccamento di Polizia Stradale di Sant’Agata Militello e l’ispettore Filippo La Rosa. Dall’analisi dei dati risulta ancora sconcertante il numero dei morti per incidenti stradali in Europa, anche se in progressiva diminuzione. In Italia nel 1972 i morti sono stati 11072, nel 2001 il numero scende a 7.096, mentre lo scorso anno i decessi a causa di incidenti stradali sono stati 3.325, mentre i feriti sono stati 242.621. Un numero comunque inaccettabile. Il miglioramento delle tecnologia a bordo delle auto ha contribuito ad aumentare gli standard di sicurezza, ma al contempo negli anni si sono aggiunte altre distrazione alla guida. Su tutte, l’uso degli smartphone alla guida rappresenta un pericolo costante, alimentato dalla presunzione di poter essere multitasking, mettendo in tal modo a rischio la propria vita e quella degli altri.

Gli studenti, grazie alla grande capacità comunicativa degli ispettori Fiasconaro e La Rosa, hanno ascoltato fatti ineludibili e video dal forte impatto emotivo. Inoltre sono stati illustrati i rischi della guida in stato di ebrezza o a seguito di assunzione di sostanze stupefacenti. I controlli e le misure sanzionatorie fanno la loro parte importante, ma nulla servirebbe senza una corretta educazione alla guida dei veicoli. Il 26 settembre sta arrivando, nella speranza di registrare a fine giornata zero morti per incidenti stradali.