CoronaVirus

“Rinascita santagatese”, 150 commercianti insieme per la ripresa. Le proposte nell’incontro con l’amministrazione.

Sono 150 i commercianti di Sant’Agata Militello che hanno dato vita all’associazione “Rinascita Santagatese”, ideata per far fronte comune e formulare proposte utili per superare la grave emergerza economica che inevitabilmente sta attanagliando il comparto commerciale ed imprenditoriale a seguito della pandemia Covid. I soci, pronti a costituirsi ufficialmente in associazione, hanno designto come prima presidente Rosalba Sirna, mentre il consiglio direttivo è composto dal  vice Presidente Salvatore Maggio, segretario Giusy Zuccarello ed i consiglieri, Claudio Travaglia, Enzo Caiola, Teresa Nocifora, Maria Piló, Calogero Morgano, Carlo Cavelli e
Marilena Liprino.

Una rappresentanza del gruppo di commercianti, già particolarmente attivo nella fase di lockdownd con numerose iniziative di solidarietà e sostegno alle fasce più deboli e bisognose della popolazione, nei giorni si è incontrata al castello Gallego con il sindaco Bruno Mancuso e la giunta municipale, per un confronto sulle possibilità di sostegno concreto per la ripartenza delle attività economiche. All’incontro erano presenti anche il comandante della Polizia Municipale, Vincenzo Masetta e Francesca Alascia, avvocato a titolo gratuito dell’associazione.

I commercianti hanno chiesto all’amministrazione l’attivazione di una serie di misure di natura tributaria, dall’esenzione dal pagamento dei tributi comunali nel periodo del lockdown, alla sospensione delle imposte per il resto dell’anno e successiva rateizzazione senza mora e interessi nel 2021. Già approvate in consiglio comunale all’unanimità due mozioni una presentata dalla maggioranza , l’altra dall’opposizione per la riduzione e/o soppressione, della Cosap sui metri quadrati e della Tari, che sarà ridottà dell’80 per cento. Richiesto quindi un aumento del 50% del suolo pubblico per consentire il rispetto delle distanze derivanti dalle misure di contenimento anti Covid-19, con agevolazione di ulteriori istanze di occupazione anche maggiori del 50%. La proposta è di sfruttare quanto più possibile gli spazi cittadini, in particolare nell’area del lungomare dove sono ubicati molti ristoranti e bar. L’idea è quella di creare in via Cosenz una vera e propria isola pedonale per i week-end, nel tratto compreso tra la rotonda di intersezione con Via S. Giuseppe e l’incrocio con via Campidoglio, riattivando la circolazione veicolare nel tratto di strada lato mare, al momento chiuso. Verrà valutata ogni singola richiesta, per incentivare la ripartenza delle attività, già il sindaco ha emanato ordinanza che consentirà agli ersercizi commerciali di prolungare l’orario di chiusura sino allae 23:30, ferma restando la chiusura domenicale.

In programma quindi un tavolo tecnico tra l’amministrazione comunale e la Polizia locale per varare un nuovo piano della viabilità, che possa venire incontro alle richieste dei singoli esercenti. L’amministrazione dal canto suo, si è resa disponibile a considerare, previa analisi di fattibilità tecnico-economica con gli uffici preposti, le proposte del sodalizio.