CoronaVirus

Operazione “Majari”; eseguita la misura cautelare anche per l’ottavo indagato.

La Polizia di Stato della sezione giudiziaria della Procura di Patti ha arrestato questa mattina Francesco Ranno, ottavo indagato nell’ambito dell’operazione “Majari” condotta la scorsa settimana (leggi qui). L’uomo, ristretto ai domiciliari, risultava irreperibile poichè all’estero. Francesco Ranno, figlio di Elvira Parisi, ritenuta dagli inquirenti al vertice dell’ipotizzata associazione a delinquere finalizzata alla truffa nei cofnronti di diversi soggetti attraverso l’esecuzione di presunti riti magici ed esoterici, è accusato di aver forntio assistenza al sodalizio nell’ambito della circonvenzione delle vittime.
Egli risultava quindi intestatario anche di alcune schede Postepay su sui avvenivano i versamenti di denaro da parte delle persone offese. Francesco Ranno ha deciso spontaneamente di far rientro in Italia consegnandosi alla Polizia dopo essere stato avvisato dal proprio legale del provvedimento a suo carico disposto dal Gip del Tribunale di Patti.