Banner concorso

Accampamento in spiaggia, blitz notturno della Guardia Costiera.

Fine settimana di intenso lavoro per il personale della Guardia Costiera dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Sant’Agata Militello, impegnato a terra ed in mare per assicurare il corretto svolgimento delle attività turistico-balneari nell’ambito dell’Operazione Mare Sicuro 2019.

Nella notte tra sabato e domenica, a seguito di una segnalazione di un privato cittadino alla Centrale Operativa veniva segnalata la presenza di un vero e proprio accampamento abusivo sul litorale di Capo d’Orlando da parte di 25 persone che, dopo aver collocato 8 tende da spiaggia con annesso posizionamento di fonte luminosa alimentata da alcuni gruppi elettrogeni, svolgevano attività natatoria in orario non consentito.

Prontamente veniva disposto l’intervento del personale dell’Ufficio Locale Marittimo di Capo d’Orlando, con lo stretto coordinamento da parte dei militari del Circondario Marittimo santagatese che giunti sul posto hanno proceduto ad identificare i trasgressori, elevando sei verbali amministrativi per un importo complessivo pari a 1.200 euro e restituendo al pubblico utilizzo un’area demaniale di circa 200 mq.

L’operazione è risultata possibile grazie al coinvolgimento ed al supporto del personale del Commissariato di Polizia di Capo d’Orlando, della Stazione Carabinieri e del Nucleo Radio Mobile  a riprova dell’efficiente ed efficace attività di sinergia posta in essere negli ultimi mesi a livello locale dalle Forze di Polizia operanti sul territorio a difesa della legalità.

Nelle giornate di sabato e domenica, invece, il personale a terra e le motovedette CP 832 e CP 566 hanno monitorato sia il rispetto della vigente Ordinanza di Sicurezza Balneare, conducendo un’attività di carattere preventivo presso 5 stabilimenti balneari siti tra Sant’Agata, Capo d’Orlando e Brolo, sia il regolare svolgimento dei traffici marittimi a mare tra Santo Stefano di Camastra e Brolo, proteggendo le aree riservate alla balneazione da eventuali presenze di unità troppo vicine alla costa.

In un caso, stante la totale assenza di un presidio di salvamento e del personale addetto a tali compiti, è stato elevato un verbale amministrativo di 1.000 euro.