Rubavano legna nel bosco. 5 arresti a San Fratello

Foto legnameI Carabinieri di San Fratello hanno arrestato cinque persone per furto, sorprese mentre asportavano legname appena tagliato in un bosco del “Parco dei Nebrodi”. Nei giorni scorsi, giungeva alla Stazione Carabinieri di San Fratello una telefonata, che segnalava la presenza di persone intente a caricare legname in una zona boschiva, ricadente all’interno del territorio del “Parco dei Nebrodi”. I militari, non escludendo che si trattasse di legname ricavato dal taglio abusivo di alberi di proprietà demaniale, per altro in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, attuavano un posto di controllo lungo la SS 289, tra i territori di San Fratello e Cesaro’, con la speranza di riuscire a fermare l’eventuale mezzo su cui poteva essere stato caricato detto legname. Passato poco tempo dall’attuazione del dispositivo giungeva, con direzione Cesarò – San Fratello, un grosso autocarro su cui erano stati caricati circa 80/90 quintali di legname. Intimato l’alt al conducente, questi veniva identificato in Cardali Cirino classe ’83, residente in San Fratello il quale, a richiesta dei militari, riferiva che detto legname era stato estratto dal taglio di alberi in contrada Levanche, agro del comune di San Fratello, posto quasi al confine con il territorio di Cesarò.Poiché detta località ricade all’interno del territorio del “Parco dei Nebrodi” i militari, notato l’evidente imbarazzo del conducente, nella circostanza privo di qualsivoglia documento che attestasse la provenienza del carico, lo invitavano ad accompagnarli sul luogo ove era avvenuto il taglio degli alberi. Giunti sul posto, sorprendevano quattro persone intente a caricare su un camion altro legname, con l’ausilio di una pala meccanica. Le stesse venivano identificate in Cardali Mario classe ’92, Cardali Filadelfio classe ’90, Lanuto Salvatore classe ’67 e Lanuto Luigi classe ’70. Tutti residenti in San Fratello. Sul luogo veniva anche rinvenuta una catasta di 30 quintali circa di legname e due motoseghe,  utilizzate per il taglio degli alberi di quell’area boschiva. Certi, a quel punto, che quelle fossero  le persone segnalate con la telefonata, e visto la preoccupazione che calava sui loro volti, chiedevano in visione le autorizzazioni necessarie  per poter procedere al taglio di alberi in quell’area. Compreso che a nulla sarebbe valso mentire, i presenti riferivano di non avere alcuna autorizzazione. A quel punto, accertato che si era trattato di un taglio di alberi di proprietà demaniale, per altro ricadenti in area soggetta a vincolo, in assenza delle necessarie autorizzazioni, i militari procedevano all’arresto dei cinque, per furto aggravato in concorso. Nella circostanza, oltre ai mezzi utilizzati per l’illecita attività, veniva sequestrato tutto il legname già pronto per il trasporto, per un peso complessivo di circa 120 quintali. Il taglio indiscriminato di alberi, purtroppo abbastanza frequente in quelle aree boschive così vaste e rigogliose, provoca ingenti danni non solo da un punto di vista economico, ma anche e soprattutto all’ambiente. Un ambiente, quello del “Parco dei Nebrodi”, con un ecosistema straordinario che occorre in ogni modo preservare, anche da coloro che, talvolta inconsapevolmente, rischiano di pregiudicarne in maniera irreversibile l’equilibrio. I quattro, così come disposto dall’A.G. di Patti, sono stati posti agli arresti domiciliari, in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.

Articoli correlati

Parco dei Nebrodi, il bilancio del 2018 del commis... Un 2018 che si chiude con la rinnovata fiducia al commissario straordinario Luca Ferlito da parte del presidente della Regione Nello Musumeci ("Spero ...
Ruba preziosi in casa di una cliente. Arrestato ar... Gli agenti del commissariato di Polizia di Sant’Agata Militello hanno arrestato G.G. 48enne artigiano, con l’accusa di furto aggravato. L’uomo ha ruba...
Criminalità e terreni agricoli. Operazione “... La Guardia di Finanza di Enna ha dato esecuzione a 15 ordinanze cautelari emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Caltan...