CoronaVirus

Presentato il giro ciclistico di Sicilia 2020. Il 4 aprile via della quarta tappa da Sant’Agata.

È stato presentato oggi, nel Padiglione della Regione Siciliana, alla BIT di Milano l’edizione 2020 de Il Giro di Sicilia. Quattro frazioni dal 1 al 4 aprile con partenza da Siracusa, traguardi a Licata, Mondello (Palermo), Caronia e Mascali, con la scalata dell’Etna dal versante di Piano Provenzana. Altre partenze da Selinunte, Termini Imerese e Sant’Agata Militello. Il centro santagatese, in particolare, ospiterà la partenza dell’ultima tappa, quella del 4 aprile, che si concluderà a Mascali.

Si inizia con un tratto costiero per poi scalare il Passo Favoscuro che porta alle pendici dell’Etna. Si percorre un breve tratto orizzontale fino a Linguaglossa per scalare la salita di Piano Provenzana deviando a 2 km dalla vetta (arrivo del Giro d’Italia 2020) verso Milo (GPM in prossimità del Rifugio Citelli). Segue una lunghissima discesa di quasi 30km con alcuni tratti molto articolati e impegnativi all’interno dei centri abitati. Ultimi km all’interno dell’abitato di Mascali con una ampia svolta a U su due curve distanti fra loro che porta al rettilineo finale in leggera ascesa.

A Sant’Agata Militello l’evento di grande prestigio e promozione turistica, giungerà grazie all’impegno del gruppo organizzativo coordinato da Vincenzo Fazio ed all’interessamento del consigliere comunale Valeria Fazio la quale, di concerto con il sindaco Bruno Mancuso e l’assessore allo sport Antonio Scurria e la Pro Loco, ha allacciato i rapporti con l’assessorato regionale allo sport e turismo, nella persona dell’assessore Manilo Messina. Fondamentale quindi il supporto del capogruppo di Forza Italia all’Ars, on. Tommaso Calderone.

Nello Musumeci, Presidente della Regione Siciliana, ha dichiarato: “Per il secondo anno consecutivo si correrà nell’Isola una competizione ciclistica prestigiosa come il Giro di Sicilia. Il mio governo ha voluto proseguire nel rapporto di collaborazione con il gruppo RCS Sport per un’iniziativa che tende a proiettare su palcoscenici prestigiosi l’immagine di una regione candidata sempre di più a guadagnare consensi in ogni settore. Siamo convinti che i percorsi unici e suggestivi, le bellezze architettoniche incomparabili, insieme alla passione per uno sport popolare e di antica tradizione come il ciclismo possano proporci all’attenzione generale. Oltre al Giro di Sicilia, quest’anno, tornerà anche il Giro d’Italia: tre tappe che, a metà maggio, attraverseranno l’Isola da Occidente a Oriente. Il tutto in attesa del 2021, quando la prestigiosa Corsa Rosa partirà proprio dalla nostra regione. La migliore Sicilia si mette in mostra!”

Manlio Messina, Assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, ha detto: “Grazie all’intuizione del Presidente Musumeci, siamo qui oggi per raccontare un grande evento come il Giro di Sicilia che si lega anche alle tre tappe del Giro d’Italia di quest’anno e alla Grande Partenza della Corsa Rosa 2021.

Come Regione Siciliana abbiamo deciso di puntare su questi grandi eventi: il fatto che questi vengano trasmessi in oltre 100 paesi nel mondo con due ore di diretta Rai, costituisce un formidabile veicolo di promozione della nostra Regione. Invito tutti a partecipare sul territorio o a seguire la corsa in TV. Le gare internazionali di ciclismo permettono di far vedere tutto il nostro territorio e contribuiscono a sviluppare il turismo della nostra bella Sicilia”.

Paolo Bellino, Amministratore Delegato e Direttore Generale di RCS Sport, ha detto: “Con la Regione Siciliana abbiamo fatto un grande lavoro per riportare il Giro d’Italia in questa regione e Il Giro di Sicilia nel calendario del ciclismo internazionale. Per l’edizione di quest’anno ogni giorno la Rai produrrà due ore di diretta della corsa. Le immagini della corsa contribuiranno a promuovere una terra straordinaria qual è la Sicilia, un luogo unico per andare in bicicletta in tutte le stagioni. I telespettatori degli oltre 100 paesi collegati potranno apprezzare le bellezze del territorio attraverso le immagini di una corsa di livello internazionale che contribuiranno a promuovere il turismo e l’economia della Sicilia”.

Mauro Vegni, Direttore Ciclismo di RCS Sport, ha dichiarato: “Grazie al lavoro fatto insieme alla Regione Siciliana, la Sicilia è diventata un punto cardine del ciclismo internazionale. Oltre al Giro di Sicilia, quest’anno avremo tre tappe del Giro d’Italia nell’isola e nel 2021 la Grande Partenza della Corsa Rosa muoverà proprio dalla Sicilia. Per l’edizione 2020 de Il Giro di Sicilia saranno al via ottimi nomi del ciclismo internazionale, come il vincitore del Giro d’Italia 2014 Nairo Quintana. Stiamo riportando Il Giro di Sicilia ai suoi antichi splendori e vogliamo continuare su questa strada.”

error: Questo contenuto è protetto !!