Banner concorso

Bagno di folla per Nello Musumeci a Sant’Agata Militello

Nello Musumeci, candidato alla carica di Presidente della Regione Siciliana, ha incontrato gli amministratori dei Nebrodi a Sant’Agata Militello presso il Castello Gallego. L’incontro, organizzato dal consigliere comunale di Sant’Agata Militello Domenico Barbuzza e dal Presidente del Consiglio Comunale di Naso, Gaetano Nanì, ha visto la partecipazione di numerosi esponenti politici dei Nebrodi, giunti nel centro santagatese per incontrare Musumeci. “Avere organizzato questo incontro – hanno detto Nanì e Barbuzza ha dato la possibilità ai sindaci dei Nebrodi e più in generale agli amministratori tutti, di avere un confronto diretto con chi auspichiamo diventi il Governatore della Regione”. A fare gli onori di casa il sindaco di Sant’Agata Militello, Carmelo Sottile, poi di seguito Gaetano Nanì, da anni amico personale di Musumeci, che ha speso parole di elogio per la candidatura del politico catanese.

A mettere sul piatto i temi forti è stato il consigliere comunale Domenico Barbuzza, il quale ha chiesto, a nome di tutta la cittadinanza santagatese un impegno concreto per la risoluzione di diversi problemi che affliggono sia Sant’Agata Militello che l’intera Sicilia. Barbuzza ha posto l’indice sulla riduzione dei posti all’ospedale santagatese chiedendo che non venga attuata la paventata soppressione del punto nascita, ha chiesto un maggiore impegno sulla destinazione dei fondi comunitari evitando che gli stessi vengano restituiti a Bruxelles, ha chiesto norme uguali per tutti i pescatori, sia quelli italiani che quelli stranieri per i quali sarebbero concessi alcuni privilegi. Il candidato presidente Nello Musumeci ha ascoltato con particolare attenzione tutti gli interventi dei presenti impegnandosi a risolvere, una volta diventato Governatore, i problemi  della Sicilia e più in particolare del territorio dei Nebrodi. “Guardo con interesse a questo territorio – ha detto Musumeci – posso dire ai cittadini di avere fiducia perché cercheremo di essere vicini alla gente e alle loro problematiche”.

Samanta Pino