Banner concorso

Chiusa l’inchiesta sul depuratore. Otto indagati

Notificati otto avvisi di conclusione indagini riguardanti il procedimento aperto dalla Procura della Repubblica di Patti sul cattivo funzionamento dei depuratori nei centri della costa. A Sant’Agata Militello lo scorso mese di Marzo l’inchiesta era sfociata nel sequestro di 170 metri cubi di fanghi da depurazione rimasti nelle vasche del depuratore. Alla chiusura delle indagini sono otto le persone indagate, a vario titolo, per ipotesi di violazioni delle norme  ambientali e amministrative. Si tratta del sindaco Carmelo Sottile e del predecessore Bruno Mancuso, dell’ingegnere dell’ufficio tecncico Giovanni Amantea, dei rappresentanti delle ditte incaricate della gestione del depuratore, Edmondo Delfino, Pietro Laccoto e Salvatore Silla, del titolare di un’impresa di auto espurgo orlandina, Sarino Galipò e di un autista della stessa impresa, Paolo Rienzi. I fatti contestati riguardano vari periodi tra il 2010 e il 2015.