Cronaca

Pubblicato il: 6, settembre 2014

pippocontigugliaNiente reintegro nel posto di lavoro per l’ingegnere Giuseppe Contiguglia, tornato in libertà lo scorso 14 Agosto dopo la cessazione del termine dei sei mesi di arresti domiciliari ai quali è stato sottoposto nell’ambito dell’operazione “Camelot”. L’ex dirigente dell’ufficio tecnico del Comune di Sant’Agata Militello, rimesso in libertà senza alcuna prescrizione, aveva presentato istanza di riammissione sul posto di lavoro ma la Giunta Sottile ha ritenuto di non concedere tale possibilità. Avvalendosi della facoltà concessa dal contratto di lavoro, l’amministrazione comunale ha dunque preferito applicare la sospensione cautelare nei confronti di Contiguglia mentre nei mesi scorsi era stato, invece, dato il via libera per il reintegro degli altri indagati raggiunti da misura cautelare, l’ingegnere Calogero Silla e gli architetti Nino Naso e Carmelo Gambadauro. A pesare per la mancata riammissione di  Contiguglia sarebbe stata la diversa configurazione del ruolo che la Procura gli ha conferito nell’ambito dell’inchiesta.

spazio

© 2017 Copyright © 2013 Associazione Culturale SantAgataInForma Iscrizione Trib. Patti n. 210 del 27.04.2011 | P.IVA 03151590837 Realizzato con passione da Evermind | Privacy Policy