Politica

Pubblicato il: 15, ottobre 2014

ribaudoDopo quella del revisore dei conti al Comune e quella della Prefettura di Palermo, titolare delle attribuzioni dell’ex Agenzia Autonoma per la gestione dell’Albo dei Segretari Comunali,  anche il Ministero dell’Interno sancisce l’inapplicabilità della normativa della “reformatio in peius” sul trattamento economico dei funzionari pubblici, intimando la necessità all’amministrazione comunale di Sant’Agata Militello di ridurre, a partire dal 1 Gennaio 2014, la retribuzione per il segretario comunale Roberto Ribaudo adeguandola a quella prevista per la sede di segreteria cui è titolare, appunto Sant’Agata. La questione, lo ricordiamo, era stata sollevata dai consiglieri comunali di maggioranza. In particolare i consiglieri Domenico Barbuzza e Rino Indriolo avevano presentato un’interrogazione, lo scorso Giugno, per chiedere di modificare il decreto del sindaco di nomina del segretario Ribaudo, nella parte in cui si prevede il mantenimento del trattamento economico già in godimento della fascia e qualifica di appartenenza nell’ultima sede di servizio, Barcellona (fascia A)  e di adottare ogni atto amministrativo necessario al fine di adeguare il trattamento economico a quello della fascia professionale “B”, corrispondente ai comuni di seconda classe, come Sant’Agata,  con decorrenza 01.01.2014 e di conseguenza procedere al recupero delle maggiori, e non dovute, somme liquidate al Segretario Generale dal 01.01.2014 fino ad oggi. Un’eccedenza che i consiglieri avevano stimato in circa 20 mila euro  annue. A seguito del’interrogazione, l’amministrazione comunale aveva preso tempo, chiedendo per l’appunto pareri vari e ponendo in ultimo un apposito quesito al Ministero dell’Interno: “Sono sorti fondati dubbi applicativi”, scriveva il sindaco Sottile il 28 Luglio al Viminale che ha quindi riposto con un’articolata nota, di cui in foto  vi proponiamo la pagina conclusiva, a firma del dirigente Natalino Carusi.
parere ministero RibaudoIl funzionario del dipartimento per gli affari interni e territoriali, amministrazione risorse umane, strumentali e finanziarie, confermando quanto già evidenziato dall’opposizione consiliare santagatese, ha ribadito come il trattamento economico di Ribaudo debba essere adeguato alle disposizioni della legge n° 147/2013 che nei fatti ha sostituito quanto disposto dalla deliberazione 275/2001 dell’ex Ages, che per l’appunto sanciva il divieto di “reformatio in peius” della retribuzione dei segretari comunali. Evidenziando inesattezze o elementi “trascurati”, nelle missive proposte dallo stesso Ribaudo, il Ministero dell’Interno ricorda come “l’ente locale non possa, nell’esercizio della propria autonomia, non adeguarsi al provvedimento legislativo” , precisando alcuni passaggi legislativi e respingendo alcune eccezioni sollevate dal segretario su presunte “indennità ad personam” e “disciplina del riassorbimento”. A questo punto all’amministrazione comunale  non resta dunque che modificare il trattamento economico del segretario comunale così come chiesto dai consiglieri di opposizione a partire dal 1 Gennaio 2014.

 

spazio

© 2017 Copyright © 2013 Associazione Culturale SantAgataInForma Iscrizione Trib. Patti n. 210 del 27.04.2011 | P.IVA 03151590837 Realizzato con passione da Evermind | Privacy Policy