Attualità

Pubblicato il: 6, maggio 2014

corrado lazzaraUn’ischemia cerebrale lo ha portato via a soli 42 anni, lasciando la moglie Sonia e i suoi bimbi di 5 e 3 anni. Una tragedia per una famiglia intera, dalla quale, però, nasce una nuova storia di vita. Corrado Lazzara, di Longi, era stato ricoverato nel reparto di rianimazione del Policlinico di Messina,con un quadro clinico già molto complesso a causa di una ischemia; il danno molto esteso al cervello ne ha poi determinato la morte. Il prelievo dei suoi organi è stato eseguito stanotte al Policlinico ed alcuni pazienti potranno continuare a vivere grazie a questo gesto. Il fegato è volato stamani alla volta del Policlinico Sant’Orsola Malpighi di Bologna, il cuore e un rene sono andati all’Ismett di Palermo, mentre l’altro rene al Civico, sempre a Palermo. È la famiglia a chiedere che il nome possa emergere con chiarezza, ancor di più perché Corrado era un donatore consapevole; già in vita, infatti, aveva voluto “scegliere”, iscrivendosi all’Aido, l’associazione italiana donatori di organi. Una volontà condivisa con i genitori e la moglie Sonia. «Mi piace pensare – ha sottolineato la moglie – che il suo cuore continui a battere per i nostri figli e se ciò è possibile è perché lui ha voluto che fosse così». Fino a tarda serata, quando è arrivata l’équipe proveniente da Palermo per il prelievo, fuori dal reparto di rianimazione è stato un continuo viavai di parenti e amici, quasi un paese intero che ha accompagnato Corrado con un lungo applauso anche prima di entrare in sala operatoria. «L’iscrizione all’Aido – ha detto ancora la moglie – è arrivata in un giorno qualunque, non eravamo ancora sposati; mi ha detto solo: dobbiamo fare una cosa importante».

spazio

© 2017 Copyright © 2013 Associazione Culturale SantAgataInForma Iscrizione Trib. Patti n. 210 del 27.04.2011 | P.IVA 03151590837 Realizzato con passione da Evermind | Privacy Policy