Cronaca

Pubblicato il: 3, marzo 2015

Il consorzio autostrade siciliane si sta rivelando sempre di più un autentico “vaso di Pandora” . Un nuovo fascicolo d’inchiesta è stato infatti aperto dalla Procura della Repubblica di Messina. Figurano iscritte 56 persone con l’ipotesi di reato di falso e truffa. Oggi i militari della Dia di Messina hanno nuovamente bussato alla porta della sede di Contrada Scoppo , prelevando una corposa documentazione relativa alla liquidazione  di incentivi progettuali  a favore di dipendenti del consorzio. Il provvedimento è  firmato dal procuratore aggiunto Sebastiano Ardita e dai sostituti Stefania La Rosa e Fabrizio Monaco. Sotto la lente d’ingrandimento premi di produzioni e incentivi che gli inquirenti sospettano si tratti di bonus nondovuti ai dipendenti .  Il filone d’inchiesta si configura come una prosecuzione dell’operazione “Tekno” che portò a Dicembre scorso all’arresto di otto persone ed all’esecuzione di altre due misure restrittive, imprenditori e funzionari del Cas, ritenuti, a vario titolo, responsabili di turbata libertà degli incanti, induzione indebita a dare o promettere utilità, istigazione alla corruzione e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. Nelle scorse settimane, per le stesse ipotesi accusatorie, in manette era finito invece un altro funzionario del Cas, il geometra Agostino Bernava.

spazio

© 2017 Copyright © 2013 Associazione Culturale SantAgataInForma Iscrizione Trib. Patti n. 210 del 27.04.2011 | P.IVA 03151590837 Realizzato con passione da Evermind | Privacy Policy