Cronaca

Pubblicato il: 6, giugno 2014

arrestoxsitoaffariE’ scattata all’alba di oggi l’operazione denominata “Affari di famiglia” cha ha sgominato una fitta rete di soggetti che gestivano il mercato degli stupefacenti nella zona tirrenico nebroidea della provincia di Messina. I provvedimenti di misure cautelari emessi dal gip del Tribunale di Patti Ines Rigoli, su richiesta del Pm Rosanna Casabona, hanno riguardato ventidue persone, per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. L’operazione è stata condotta dagli uomini della compagnia Carabinieri di Sant’Agata Militello di concerto col personale in forza a Tortorici, Capo d’Orlando, Rocca di Capri Leone, Milazzo, Galati Mamertino, oltre ai militari delle province di Enna e Catania che hanno eseguito due misure cautelari. Dieci le persone arrestati e già tradotte in carcere. Si tratta dei fratelli Mirko ed Alessandro Talamo, Francesco Conti Mica, Andrea Calà Campana (preso a Noto), Sebastiano Galati Massaro, Giuseppe Barbagiovanni, Michele Bontempo Ventre, tutti di Tortorici, poi ancora Simone Costanzo Zammataro, preso a Centuripe (En) ed i fratelli Tindaro e Phil Joe La Monica, arrestati a Catania. Agli arresti domiciliari sono finiti Luisa Bontempo, Antonino Conti Mica, Carmelo Calà Campana, Antonino Costanzo Zammataro, Salvatore Marino Gammazza, Maurizio Arcodia, di Tortorici, Francesco Anastasi di Galati Mamertino, Calogero e Salvatore Conti Bellocchi, di Torrenova, e Samuele Chillemi, residente a Milazzo. Tre persone sono state, infine, raggiunte da misura cautelare di obbligo di dimora, Valentino Conti Bellocchi, di Torrenova, Giuseppe Consales di Tortorici e Luca Talamo a Milazzo.

spazio

© 2017 Copyright © 2013 Associazione Culturale SantAgataInForma Iscrizione Trib. Patti n. 210 del 27.04.2011 | P.IVA 03151590837 Realizzato con passione da Evermind | Privacy Policy